II. Tisana curcuma e zenzero.

Siamo arrivati sotto casa che era calata la notte. Al solito ho sentito Gwendolen avvicinarsi alla porta mentre la chiave girava nella serratura. Si siede davanti alla porta di casa e aspetta che venga aperta per metà. Lo faccio piano per non guastarle il piacere del momento: i nostri sguardi si incrociano e lei si alza per salutare. Io pronuncio il suo nome, le dico quanto mi sia mancata e lei attacca a scodinzolare dimenando la parte posteriore del corpo come se fosse svincolata da quella anteriore – che frattanto rimane composta.
– Ed Ernest dove l’hai lasciato? – Coco si è chinata per stare sullo stesso piano di Gwendolen e ricambiare le attenzioni che ha ricevuto da lei. Coco è capace di comprendere cosa significhi per Gwendolen tutto questo dispendio di energia, la libertà di manifestare i suoi sentimenti. Quindi si lascia annusare rimanendo accovacciata sul pavimento.
– Ernest starà dormendo. Ma arriverà. È più lento di lei – e infatti lo vediamo oltrepassare la soglia della camera e venirci incontro sbadigliando rumorosamente e iniziando a scodinzolare di lontano, senza precipitarsi. Una volta vicino pretende una certa esclusività; si alza sulle zampe posteriori e allunga quelle davanti sul mio petto spingendo il naso bagnato sino all’attaccatura delle mie orecchie.
Ordiniamo qualcosa alla gastronomia cinese e io mi infilo sotto la doccia.

Io e Coco abbiamo percorso una decina di chilometri su boulevard de l’Hopital e poi lungo la Senna: quasi sempre camminando e correndo per brevi tratti.
È stata una sua idea venire a correre con me. Tuttavia, se si esclude l’acquisto del completo in tessuto traspirante e la scelta delle scarpe con tecnologia di ammortizzazione e perfetta aderenza, l’esperienza è stata deludente. Conoscendola sembrava annoiata e al ritorno ha tentato una mezza dozzina di conversazioni salottiere alle quali ho opposto un muro di silenziosa disciplina sportiva. Poi ho ceduto e abbiamo rallentato il passo:
– così però ti dai per vinta subito.
– non ce la faccio a correre e respirare nello stesso tempo. Mi sento il cuore battere contro il palato.
– mi dici perché hai voluto provarci?
– perché alle donne dopo i cinquanta si affloscia il ventre.
– ma tu non sei una donna.
– e tu non sei un gentiluomo. Cretina.
Debbo ammettere che non avevo fatto molto affidamento sulla sua eccitazione per la corsa. Forse però mi ero illuso che potesse compiere un percorso netto di camminata veloce.
Comunque non è mia abitudine fare il giro in compagnia. È inutile credere di poter condividere le proprie abitudini: nel migliore dei casi l’uno si adatta a quelle dell’altro con il risultato di fare qualcosa di piacevole che comunque non è quello che avremmo voluto fare.
La corsa per me è un momento della giornata che serve a pensare o a non pensare affatto. A volte rifletto e prendo decisioni, altre – e sono le più numerose – mi annullo nei rumori di una città che riconosco come mia. Mi sta attorno e io ne faccio parte; specie ora che l’autunno le sta restituendo l’aria umida di freddo e inizia a sfogliare i grandi alberi del lungofiume.
Quando sono uscito dal bagno ho trovato sul tavolo un tazzone fumante con il coperchio scompagnato calato malamente sopra. Coco è uscita dal cucinino con la sua tazza:
– ho fatto una tisana zenzero e curcuma. Depurativa e antiossidante – ha letto sulla scatola – l’ho comprata stamattina e ce l’avevo in borsa. Non hai del miele?
– una tisana prima di cena? Non crederai davvero che la beva?
Coco ha sollevato il coperchio dalla mia tazza confidando nel profumo aromatizzato della bevanda e me l’ha messa sotto il naso costringendomi a un suffumigio  medicamentoso.
Appoggiata al lato più corto del tavolo, Coco sorseggiava l’infuso caldo e assumeva la posa dell’ascolto: il braccio piegato sotto la guancia, lo sguardo accogliente con cui mi ha sempre estorto le confidenze.
In fondo ci speravo di poterne parlare con lei: soffro del poco tempo che Victor riesce a dedicarmi. Soffro del fatto che ne dedica poco anche a sé stesso ultimamente.
Parlandone prendo in considerazione la possibilità che sia una proiezione sbagliata di ciò che avrei voluto fosse o che il ricordo distorto di ciò che è stato esasperi una situazione che in verità è in linea con ciò che è sempre stato. Contorto come tutti i pensieri. No, è il tentativo di spiegare il pensiero ad essere contorto.
È necessario capire per non proiettare sull’altro delle aspirazioni basate sull’immagine idealizzata degli inizi. Voglio dire: credere che l’altro non è più così attento come agli albori di un rapporto è un’affermazione che deve passare attraverso la ricostruzione oggettiva di quei primi tempi.
Il fatto è che io sono vittima di periodici accertamenti su quanto la vita sia breve. Lo constato di tanto in tanto e di conseguenza organizzo il restante tempo a disposizione per goderne con gli affetti più cari. Se nel frattempo quelli sono impegnati in altre attività ne faccio una questione personale.
– mi detesto quando do per scontato che una conquista sia fatta una volta per tutte. Diventi adulto credendo che in una coppia ci si debba conquistare continuamente ma poi chi lo fa veramente? Io lo pretendo senza farlo. Eh? Do questa impressione?
Che significa tra l’altro covare la certezza di essere sempre attraenti allo stesso modo senza mettersi mai in discussione. È presuntuoso.
Ho continuato a parlare, a confessarmi e ragionare sulle affermazioni che andavo facendo, sviscerandole sul tavolo come un babilonese versato in epatoscopìa, fino al suono del campanello di casa.

Ho tolto di mezzo le tazze per far spazio alle monoporzioni in alluminio mentre Coco cercava di identificare le vaschette con i primi. Solo poggiando le tazze sul fondo del lavello mi sono accorto che anche la mia era vuota: l’avevo sorbita per intero.

On se revoit. Avec plaisir.

Sébastien écrit le mardi.