IV Paris aime ses kiosques.

parisk

Per la maggior parte delle persone che si servono al chiosco, specie quelle che acquistano il giornale la mattina andando al lavoro e vanno di fretta, io sono un mezzo busto incorniciato dalla carta stampata, i quotidiani che stanno in basso e le riviste appese in alto e in mostra sui ripiani a lato.

La differenza tra un buon giornalaio, cameriere o commesso e uno mediocre sta nella memoria, che va esercitata e non troppo esibita: il cliente apprezza che il proprio negoziante di fiducia si ricordi i suoi gusti ma non deve accorgersene, semmai constatarlo col tempo e godersi la consuetudine.

Io non scambio che poche parole con gli habitué, senza oltrepassare mai dei limiti che ritengo giovino a tutelare la loro e la mia riservatezza.

Con le persone che indugiano maggior tempo, specie i clienti più anziani che non arrivano prima della tarda mattinata o vedo avvicinarsi nel pomeriggio, durante la loro passeggiata, mi trattengo più a lungo, per assecondare il loro piacere a una breve chiacchierata. Gli argomenti sono sempre gli stessi: l’attualità, il tempo, la salute e una battuta finale con cui si sdrammatizza il presente e si confida nel domani.
Altra cosa si aspetta chi acquista i periodici rivolti a collezionisti e appassionati di vario genere; con costoro intrattengo conversazioni più impegnative a scadenze regolari: esce il mensile e loro si presentano puntuali, quasi sempre tradendo una soddisfazione infantile e io mi predispongo all’ascolto con tutto l’interesse di cui sono capace.

Ho conosciuto Nora proprio così. Nora ha un’erboristeria qui vicino e qualche anno fa prese a rifornirsi da me di una pubblicazione dedicata al ricamo. Io intanto amavo fermarmi davanti alla sua vetrina e guardare le tisaniere e i cassettini di legno scuro in cui conserva le erbe. Nora ha un gusto delicato nel disporre gli oggetti nel suo negozio in cui è veramente piacevole sostare; del resto le tazze e i bollitori, come le teiere, evocano momenti di calma e ristoro e io, che di rado bevo una tisana o preparo un tè come invece vorrei essere capace di fare, adoro i servizi di porcellana convenienti al rito.

Le nouveau visage des kiosques de presse. paris.fr
Le nouveau visage des kiosques de presse. www.paris.fr

Dunque anche Nora iniziò a far caso a me e in breve l’uno divenne un po’ meno estraneo all’altro; un piacere condiviso per certe vecchie tele ricamate ci suggerì confidenze via via maggiori e oggi posso dire che è una delle amiche di cui vado più fiero.
Nora è danese ma vive a Parigi da oltre dieci anni e il suo francese pare tradire origini bretoni che lei ovviamente non ha. Scrive favole per i bambini e le illustra personalmente. Quando è nervosa non riesce a seguire gli schemi del ricamo e allora cerca di scaricare la tensione con il lavoro a maglia, in cui è meno brava.
Dopo aver riempito il suo armadio di sciarpe, ne ha fatte a me e a Victor e poi si è data lo scorso inverno a creare budelli di lana con cui rivestire i suoi bassotti. Non credo esistano cani che possano disporre di un guardaroba altrettanto fornito; hanno cappottini di colori e punti diversi, con cui Nora ha esaurito gli avanzi di gomitoli che aveva ereditato dalla madre, a cui deve anche il suo nome visto che la mamma era una lettrice di Ibsen. Poi è stata la volta di Algernon, per cui ha confezionato un delizioso pullover grigio perla con il collo alto, con cui il nostro cane è stato notato ovunque.

cropped-cropped-logo-url.jpg

On se revoit. Avec plaisir.

Sébastien écrit le mardi.