18. Caffè senza zucchero.

Caffè nero e amaro. Tanto amaro. Mangio ininterrottamente da due giorni: assaggi delle pietanze che Victor prepara, il piatto servito a tavola, gli avanzi riproposti a cena. Il tempo rimasto lo abbiamo passato a scrivere la lista della spesa per acquistare altro cibo.
Di solito Victor non ama chiudersi in cucina dopo aver lavorato perché i suoi clienti non dovessero chiudersi nelle loro. Ma in queste ultime ore si è divertito a creare; l’ho visto autenticamente felice – a tratti cantava – ed evidentemente ispirato da una Musa niente affatto a corto di idee.
Ho provato a rammentargli che in casa eravamo soli e tentato di proporgli di invitare qualcuno per la cena di capodanno. Ho trascurato invece di ricordargli il risultato delle sue ultime analisi e le raccomandazioni che gli aveva fatto il dottor Fernandez dopo averlo insultato.
Comunque mi è piaciuto andare a fare la spesa insieme sotto casa e constatare che le scorte di panna e salmone affumicato erano terminate. Rimanevano due confezioni di ostriche – due famigliole di molluschi bivalvi dimenticate tra il ghiaccio tritato del banco pescheria – e quando ho domandato al commesso dove avrei potuto rintracciare del mascarpone, lui mi ha scortato al frigo e poi mi ha risposto: non in questo negozio.
Ma non è meraviglioso essere tra coloro che cercano la stessa cosa?

Dunque oggi caffè amaro. E lavoro. Prima però scendo al negozio per prendere pane e latte. È molto presto e trovo gli scaffali vuoti, i corridoi occupati dagli scatoloni, gli addobbi a terra. Spettacolo finito, si smontano fondale e quinte.
Sono tornato a casa a svegliare Algernon, ma è meglio rimanga a casa in questa giornata molto fredda. Esco dal lato del cortile per prendere la mia bicicletta e mi raggiunge la voce di Monsieur Leval. La porta delle cantine è aperta e lui dalla sua può controllare ogni passaggio:
sto cercando i miei tergicristalli mi informa.
E io ricambio: vado a prendere la bicicletta.
E lui si illumina: Ah…volevo dirle. Ha visto le offerte al supermercato?
Ho nominato la bicicletta e ho visto che qui di fronte avevano esposto delle bici in vetrina. Gli dico di aver notato qualcosa, ma di non essere interessato perché fedele alla mia vecchia bicicletta senza pretese. Temo di averlo deluso e mi corregge irritato:
ma cosa ha capito?! Io dicevo le pizze. Sono scontate del 50% quasi. Conviene. Le prenda. Io vado adesso.
Fatico a trovare una risposta. Non la trovo.
Arrivederci Monsieur Leval.
Arrivederli Monsieur Chevalier.

cropped-cropped-logo-url.jpg

On se revoit. Avec plaisir.

Sébastien écrit le mardi.