Archivi tag: Agnés

37. Il quarto d’ora di Agnés.

È ridicolo, ma ci sono cose per cui rimango invischiato in un passato casalingo piuttosto arcaico, escludendo un processo evolutivo che nel frattempo ha portato grandi cambiamenti nel nome della praticità.
Ciò che intendo dire è che la mia reazione davanti a una cerniera rotta è la stessa di quando avevo 14 anni; con la differenza fondamentale che adesso la constatazione di non poter ricorrere alle mani di nonna Agnés mi precipita nello sconforto più nero.
La pazienza di nonna, madre di mia madre nata tra i quarti di bue trasportati a spalla dai macellai di Les Halles, era proverbiale in famiglia. Io spero che le faccia piacere essere ricordata per i suoi rammendi e per i panini che preparava per la merenda.
Li farciva con la generosità di chi è goloso ma poco pratico: un morso poteva spingere fuori all’altro capo del pane uno schizzo di maionese o una manciata di piselli, quelli che Agnés infilava nella tasca di vitello seguendo la ricetta genovese di Madame Dagna, la vicina. Una sorta di merenda hippie per cui mi prendevano in giro anche i bidelli.
Il rammendo la occupava nel dopo pranzo. Nonna Agnés dormiva per un quarto d’ora. Terminava il pasto con un frutto e poi regolava la sveglia: un quarto d’ora di sonno ti fa fare in un giorno quello che faresti in due.
Aveva le sue convinzioni – la certezza di portare il nome di Agnés Varda perché era una donna indipendente come lei, per esempio – e a me piaceva così. In nome della parsimonia rammendava calzini, cambiava l’elastico alle mutande, riparava le canottiere di papà. Grazie a lei ogni componente della famiglia aveva un rattoppo su qualche indumento: ci avrebbero facilmente identificati come membri dello stesso nucleo famigliare.

Per me è naturale, istintivo, pensare che la soluzione a una cerniera rotta stia nella sostituzione con una cerniera nuova.
ma cosa si è rotto? Mi ha candidamente domandato il Signor Contì, apparso al chiosco mentre facevo l’ennesimo tentativo di nascondere la lampo dei pantaloni sotto la camicia – se è solo la linguetta con un paio di euro i cinesi la cambiano. E tutto.
Il candore di chi ha la soluzione e lavora di logica. Per me è stata un’illuminazione, una profezia, un colpo di genio.
io ci porto i jeans per fare l’orlo. E tutto. E con la stoffa che tagliano sotto mi faccio fare queste taschine laterali, vede?
– per metterci il telefono. Mi pare perfetto.
– sì per tenerci il telefono…e tutto.
Con e tutto il Signor Contì riesce a dire un sacco di cose. Comunque oggi ha detto quanto era necessario sentire.
lo fanno quelli del mercato a 5 o 6 euro. Ma dai cinesi spende meno.
Mentre parlava Ernest è uscito dall’edicola ed è andato a fiutare le scarpe del Signor Contì. Gwendolen ha spiato i suoi movimenti ed è andata a sedersi al sole, vigile custode del pigro ciondolare dell’altro.
guardi qui. Il Signor Contì ha pagato e poi mi ha mostrato una fotografia: dei passeri a colazione sul davanzale della sua finestra. In città sono molti gli amanti degli animali che accudiscono piccoli uccelli, piccioni e scoiattoli al parco. Capita nel giardino sotto casa che mi fermi per assecondare il cane intento a fiutare; basta aspettare e poi una finestra del piano terra si apre e una signora lancia qualcosa a uno scoiattolo che aspetta. Scende da un ramo e consuma la sua merenda nell’aiuola.

Nel pomeriggio un temporale in stile regimental – righe di pioggia scagliate in diagonale – ha radunato i cani contro i miei polpacci. Ho lavorato in questo stato per oltre un’ora, anche quando il peggio era passato; premevano l’uno contro il corpo dell’altro e entrambi sulla mia gamba. Eravamo un solo blocco di carne, tre hamburger nello stesso panino senza foglie di lattuga a intercalare. Per quanto scomoda fosse la situazione, mi sono sentito un cavaliere senza macchia che non avrebbe permesso al male di nuocere ai deboli. Loro mi guardano come se lo fossi.
E stanno insieme, sempre. Alternano: uno è il parassita dell’altro.

On se revoit. Avec plaisir.

Sébastien écrit le mardi.